Francesco Del Vecchio
pubblicato 10 mesi fa in Altro \ Letteratura

Negroland: la terra di mezzo

Negroland: la terra di mezzo

A partire dal melting pot statunitense si sono sviluppate entità culturalmente più o meno definite, racchiuse talvolta in particolari aree urbane: è il caso della Harlem degli anni ’90 o della Chinatown degli anni ’10, le quali costituiscono soltanto un piccolo tratto, una lieve sfumatura – sebbene la più nota al grande pubblico – del […]

Continua a leggere · 7 minuti di lettura
Valentina D'Ambrosio
pubblicato 11 mesi fa in Altro \ Storia

Una rivoluzione in “balloons”

tutto il fascino del 14 luglio 1789 nei fumetti

Una rivoluzione in “balloons”

Con la presa della Bastiglia, nel 14 luglio del 1789, la storia colloca convenzionalmente l’inizio di una delle rivoluzioni più affascinanti e discusse di sempre. La presa della terribile prigione, simbolo dell’Ancien Régime – termine coniato dallo storico e filosofo parigino Alexis de Tocqueville – e mitizzata dai romanzi d’avventura, innesca una serie di reazioni […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Arianna Fontanot
pubblicato 11 mesi fa in Altro

Lo spirito del tempo

Edgar Morin

Lo spirito del tempo

La cultura di massa nacque come Terza-Cultura all’indomani della Seconda Guerra Mondiale e fu, per la maggior parte, croce e delizia della sociologia americana di quegli anni. Edgar Morin, sociologo francese, nel suo saggio Lo spirito del tempo, riedito da Meltemi nel 2017, ritiene infatti che la mass-culture ricevette tale denominazione in seno agli ambienti […]

Continua a leggere · 6 minuti di lettura
Peppe Giorgianni
pubblicato 11 mesi fa in Altro

L’insostenibile leggerezza del caso

qual è il confine tra causa e caso?

L’insostenibile leggerezza del caso

Soltanto il caso può apparirci come un messaggio. Ciò che avviene per necessità, ciò che è atteso, che si ripete ogni giorno, tutto ciò è muto. Soltanto il caso ci parla. È Milan Kundera che ci parla. L’autore ceco – nel suo massimo capolavoro, L’insostenibile leggerezza dell’essere,  non perde occasione per ricordarci quanto sia spesso […]

Continua a leggere · 7 minuti di lettura
Clorinda Palucci
pubblicato 1 anno fa in Altro

Le mot ne peut être que deux: la frontiera

Le mot ne peut être que deux: la frontiera

Durate il mio noioso viaggio alla volta di Roma arriva, su Facebook, la notifica dell’Accadde oggi che mi ripropone questa citazione: Oltrepassare frontiere; anche amarle – in quanto definiscono una realtà, un’individualità, le danno forme, salvandola così dall’indistinto – ma senza idolatrarle, senza farne idoli che esigono sacrifici di sangue. Saperle flessibili, provvisorie e periture, […]

Continua a leggere · 8 minuti di lettura
Claudia Giovannini
pubblicato 1 anno fa in Altro \ Letteratura

Peer Gynt e la conquista di sé

Henrik Ibsen tra Hegel e Kierkegaard

Peer Gynt e la conquista di sé

C’è un enigma intollerabile i cui vocalizzi, anziché dilettare, angosciosi violentano l’orecchio di un uomo: io sono davvero me stesso? Posso io conquistarmi? Non ha certo preteso di fornire una risposta, è stato forse più generoso Henrik Ibsen (1828-1906), drammaturgo e poeta norvegese, donandoci quel piccolo capolavoro teatrale quale è Peer Gynt. Rappresentato a Cristiania […]

Continua a leggere · 9 minuti di lettura
Alessandro Di Giacomo
pubblicato 1 anno fa in Altro \ Storia

L’incredibile avventura di Robert Capa

la storia in 50 mm

L’incredibile avventura di Robert Capa

Normandia, 6 giugno 1944, D-Day, settore di Omaha Beach, ore 06.30 del mattino. I soldati americani, stretti l’uno di fianco all’altro nei mezzi da sbarco, stanno per raggiungere le coste e dare inizio alla più grande operazione militare della storia, nome in codice Overlord. Uno di loro ha un solo obiettivo… quello da 50 mm […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura
Claudia Giovannini
pubblicato 1 anno fa in Altro \ Letteratura

Carlo Michelstaedter contro il groviglio della società

quando una tesi di laurea è già filosofare

Carlo Michelstaedter contro il groviglio della società

Non era previsto che l’uomo non avesse più tempo, tempo per elaborare il cambiamento che eppure gli avviene tra le dita. Né che si trovasse a muovere i passi in due terreni soltanto in parte contraddittori: un benessere come mai se n’è conosciuto, al contempo un’incertezza che tuttora avanza nei riguardi della società, delle istituzioni, […]

Continua a leggere · 6 minuti di lettura
Arianna Fontanot
pubblicato 1 anno fa in Altro

L’italiano di Catarella rispetto allo standard

L’italiano di Catarella rispetto allo standard

La produzione linguistica del maldestro appuntato dei romanzi di Montalbano, Catarella, presenta caratteristiche peculiari, poiché articolata secondo elementi afferenti a diverse categorie dell’italiano – regionale e popolare – e in larga misura al dialetto, siciliano. Egli infatti è caratterizzato come un parlante dialettofono, semi-colto e con scarsa abilità di sorveglianza della propria produzione linguistica. I […]

Continua a leggere · 5 minuti di lettura