Sara Gargano
pubblicato 15 ore fa in L'angolo russo

“Note invernali su impressioni estive” di Fёdor Dostoevskij

decostruzione del sogno europeo

“Note invernali su impressioni estive” di Fёdor Dostoevskij

«Che vi descriverò mai? Che potrò raccontarvi di nuovo, d’ancora sconosciuto, di non raccontato già d’altri? Chi di tutti noi russi (cioè di quelli fra noi che leggono almeno le riviste) non conosce l’Europa due volte meglio di quanto non conosca la Russia? E due volte l’ho detto, qui, per gentilezza, perché si tratterà certo […]

Continua a leggere · 10 minuti di lettura

“Il maestro di go” di Yasunari Kawabata

alla regina degli scacchi preferisco Kawabata

“Il maestro di go” di Yasunari Kawabata

Yasunari Kawabata (1889-1972), premio Nobel nel 1968, è senza dubbio uno tra gli autori più celebri della letteratura giapponese; Il maestro di go rientra però tra i suoi lavori meno noti e, a torto, ritenuti minori. Pubblicata in volume per la prima volta nel 1951 con il titolo originale di Mejin, quest’opera, tra la cronaca […]

Continua a leggere · 14 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 1 settimana fa in Letteratura

Storia (triste) della prima lectura Dantis

Boccaccio lettore di Dante

Storia (triste) della prima lectura Dantis

Nell’agosto 1373, un gruppo di fiorentini presenta al Comune una petizione, con la quale si richiede espressamente di svolgere una pubblica lectura della Commedia di Dante. Qualche giorno più tardi, il 25 agosto, le più alte autorità politiche di Firenze si rivolgono a un intellettuale prestigioso, che per il Comune aveva già svolto alcune missioni […]

Continua a leggere · 14 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 settimane fa in Bacchette corsare

Yu Hua e “La Cina in dieci parole”

anatomia del pianeta Cina

Yu Hua e “La Cina in dieci parole”

Comincerò il mio viaggio narrativo da ciò che abbiamo sotto gli occhi e perciò conosciamo bene, la vita di tutti i giorni. Che sarà pure banale e scontata, ma contiene ogni cosa: è ricca, grandiosa, commovente. La politica, la storia, l’economia, la cultura, la memoria, i sentimenti, i desideri e i segreti riecheggiano nella vita […]

Continua a leggere · 15 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 1 mese fa in Letteratura

Calvino rilegge “Forse un mattino andando” di Montale

Calvino rilegge “Forse un mattino andando” di Montale

Forse un mattino andando in un’aria di vetro,arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:il nulla alle mie spalle, il vuoto dietrodi me, con un terrore da ubriaco. Poi, come s’uno schermo, s’accamperanno di gittoalberi, case, colli per l’inganno consueto.Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zittotra gli uomini che non si voltano, col mio segreto. […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura

Uno spettro si aggira per il Giappone

"Racconti di pioggia e di luna" di Ueda Akinari

Uno spettro si aggira per il Giappone

In una notte della tarda primavera del quinto anno dell’era Meiwa, finisco di scrivere quest’opera accanto alla mia finestra, mentre, cessata la pioggia, è apparsa la luna appena velata; perciò, nell’affidarla al tipografo, la intitolo Racconti di pioggia e di luna (Ugetsu monogatari). Con queste parole, Ueda Akinari (1734-1809) presentava nel 1768 una raccolta di […]

Continua a leggere · 15 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 1 mese fa in Letteratura

Herta Müller e “Il paese delle prugne verdi”

il racconto delle minoranze etniche nella Romania di Ceaușescu

Herta Müller e “Il paese delle prugne verdi”

La paura diventa una fedele compagna se si sposa con la paranoia. Ti prende la mano e silenziosamente ti accompagna nell’intimo della tua solitudine. Nello studentato, in fabbrica, in campagna, con gli amici. Nella morte. Questo lo scenario del romanzo di Herta Müller, Premio Nobel nel 2009 proprio con Il paese delle prugne verdi. In […]

Continua a leggere · 13 minuti di lettura
Anita Orfini
pubblicato 1 mese fa in L'angolo russo

“Giorni maledetti” di Ivan Bunin

l’Apocalisse indossa una camicia rossa

“Giorni maledetti” di Ivan Bunin

Questo anno maledetto è finito. E ora? Forse qualcosa di più terribile ci attende. Credo sia proprio così». È con la fine del funesto 1917 e il presagio di rovinose sventure che si apre Giorni maledetti (Okajannyje dni) di Ivan Bunin, pubblicato per la prima volta in forma parziale nel 1925 a Parigi su «Vozroždenie», […]

Continua a leggere · 10 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 1 mese fa in Bacchette corsare

Hao Jingfang e “Pechino pieghevole”

le infinite solitudini della post-metropoli

Hao Jingfang e “Pechino pieghevole”

Alle prime luci dell’alba, la città si piegava e spariva dentro la terra. I palazzi si inchinavano come umili servitori, si abbassavano con deferenza, toccandosi i piedi con la testa, per chiudersi su se stessi. Poi si spezzavano e si piegavano ancora in due per infilare capo e braccia negli spazi vuoti. I poliedri compatti […]

Continua a leggere · 14 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 mesi fa in Letteratura

Il «baule mentale» di Goliarda Sapienza e i suoi inediti

Il «baule mentale» di Goliarda Sapienza e i suoi inediti

Penso che l’unico antidoto all’utopia, anche all’utopia più bella, sia solo il dubbio. Solo il dubbio ti può salvare (dal documentario Rai Storie vere, 1994). Goliarda Sapienza nasce nel 1924 a Catania da due genitori anarco-socialisti, Maria Giudice e Peppino Sapienza, non sposati nell’Italia del fascismo. A diciassette anni è a Roma per studiare recitazione […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura