Culturificio
pubblicato 4 giorni fa in Di parola in parola

Torpore

lo stato in cui la coscienza fluttua tra il sonno e la veglia, “specchio deformato” della realtà

Torpore

Lo scrittore Claudio Morandini ci parla di “torpore”, lemma di un ambito semantico che ricorre in modo ossessivo nel romanzo Gli oscillanti Ci sono parole così belle che, una volta scoperte, vorresti usarle sempre, parole-paesaggio, parole-storia: e “sfasciume” (nel senso di massa di detriti rocciosi) per me è una di queste. L’ho usata per la […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 1 settimana fa in Recensioni

“La notte della felicità”

di Tabish Khair

“La notte della felicità”

Ma, sapete, baraat vuol dire molte, molte cose: innocenza, incontro segreto, salvezza, felicità. (p.17) Hai presente come ci si sente quando sembra che la vita abbia voglia di farti inciampare senza ragione, con uno sgambetto? Quando vorresti tirare un pugno a qualcosa, urlare nel vuoto? Era così che mi sentivo. (p. 55) Quel che accade […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 1 settimana fa in Recensioni

Paolo Di Paolo, “Lontano dagli occhi”

Paolo Di Paolo, “Lontano dagli occhi”

Spesso viene da chiedersi: ma perché sono qui, perché mai sono nato – e nato così. Un giorno, quasi distrattamente, ti verrà da chiederlo, a tua madre: mà, mi racconti di quando sono nato? È questo l’interrogativo che si pone Lucien, il protagonista, nonché io narrante (il suo nome è un omaggio al Balzac delle […]

Continua a leggere · 13 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 settimane fa in Di parola in parola

Di parola in parola

una nota introduttiva di Emanuela Monti

Di parola in parola

Nel 2020 Di parola in parola traghetta sul Culturificio. La rubrica, che ho ideato per la versione cartacea di Qui Libri nella fase in cui la rivista era affidata alla cura della prestigiosa casa editrice Moretti e Vitali di Enrico Moretti, con la direzione editoriale di Paolo Barbieri e Carla Stroppa, è stata inaugurata al […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 settimane fa in Tra immagini e parole

La donna che visse due volte

La donna che visse due volte

Il secondo appuntamento della rubrica Tra immagini e parole sarà incentrato sull’analisi del testo di Pierre Boileau e Thomas Narcejac La donna che visse due volte (1954), confrontato con la celebre pellicola di Alfred Hitchcock (Vertigo, 1958). In un 1940 tumultuoso il lettore è catapultato in una Parigi che si prepara agli attacchi bellici dei […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 settimane fa in Letteratura

Realismo paradossale

da Penelope verso Elena fino a Heisenberg

Realismo paradossale

Vorrei mostrare come, oggi, le narrazioni debbano deformarsi e vestirsi di paradossale per potere raccontare il circostante. Ogni narrazione, infatti, presuppone Eros e, quindi per natura, ha il potere dell’immaginazione e della bizzarria. Negli ultimi due decenni del XX secolo fino all’inizio del decennio successivo, la produzione letteraria e la critica hanno alimentato un dibattito […]

Continua a leggere · 16 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 mesi fa in Altro

Come affrontare il mostro

Come affrontare il mostro

Se poche settimane fa mi avessero chiesto che cosa fosse la medicina narrativa, probabilmente non avrei saputo rispondere; adesso posso dire che è un intervento intellettuale rischioso che, tuttavia, se vissuto a pieno, può cambiarti la vita. Andiamo per gradi. Fenysia, la scuola dei linguaggi e della cultura, ha tenuto verso la metà di ottobre […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 mesi fa in Recensioni

“Confidenza” di Domenico Starnone

“Confidenza” di Domenico Starnone

Non raccontate mai niente a nessuno. Se lo fate, finisce che sentite la mancanza di tutti (Il giovane Holden, p. 248) Si chiude così la riflessione del giovane Holden Caulfield; per Pietro Vella invece, protagonista di Confidenza (Einaudi, 2019), ultimo libro di Domenico Starnone, il discorso è più complicato: raccontare una cosa a una persona significa non solo sentire poi una […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 mesi fa in Letteratura \ Recensioni

Dirigono Proust e Hahn

su "Il vento attraversa le nostre anime" di Lorenza Foschini

Dirigono Proust e Hahn

Come un pentagramma riunisce tra le sue righe spazio e tempo, così Il vento attraversa le nostre anime. Marcel Proust e Reynaldo Hahn. Una storia d’amore e d’amicizia di Lorenza Foschini, condensa in ogni capitolo, dichiarandoli già nei titoli, un luogo e un momento delle vite di Proust e Hahn. Sono soglie, questi titoli, aperte […]

Continua a leggere · 28 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 mesi fa in Tra immagini e parole

“Per chi suona la campana”

dalla penna di Ernest Hemingway alla macchina da presa di Sam Wood

“Per chi suona la campana”

Il primo articolo della rubrica “Tra immagini e parole”, in programma ogni ultimo mercoledì del mese, è focalizzato su Per chi suona la campana di Ernest Hemingway e sull’omonima pellicola cinematografica di Sam Wood (For Whom the Bell Tolls, 1943). Il contenuto dell’articolo cerca di mettere a confronto le due opere attraverso le rispettive recensioni, […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura