Culturificio
pubblicato 5 giorni fa in Interviste \ Recensioni

“Le favole nuove” di Livio Santoro

la parola come palingenesi

“Le favole nuove” di Livio Santoro

Sono lingue sconosciute di lava che mi parlano mentre si ergono ed espandono piane, mentre avanzano di basalto e pietra. […] E crescono fino a farsi orizzonte. Ricadono fino a farsi terra. Le parole sono raggio di fuoco tra figure di pietra. Sono fatica di emersione e ferita di schianto. Sono il giro del sole […]

Continua a leggere · 20 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 settimane fa in Di parola in parola

Membrana – Michele Orti Manara

Membrana – Michele Orti Manara

Lo scrittore Michele Orti Manara ci parla di “membrana”, che nella sua esperienza narrativa rappresenta il setaccio attraverso cui passa la vita degna di essere raccontata A chiunque scriva narrativa prima o poi capita di dover fare i conti con una domanda: da dove prendi le idee? Le risposte possibili sono molte, e molto diverse […]

Continua a leggere · 17 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 1 mese fa in Letteratura

“Ore Giapponesi” di Fosco Maraini

come letteratura che disinfetta l’anima

“Ore Giapponesi” di Fosco Maraini

L’8 settembre 1943 Fosco Maraini si trovava in Giappone con la famiglia, occupato dal lavoro che aveva ottenuto già prima del conflitto mondiale: il lettore di letteratura italiana presso l’Università di Kyoto. Quando gli fu chiesto cosa pensasse della Repubblica di Salò, rispose con un educato ma deciso: «No, grazie». Per un giapponese, questo significava […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 mesi fa in Di parola in parola

Sanie – Livio Santoro

Sanie – Livio Santoro

Lo scrittore Livio Santoro ci parla di “sanie”, con cui nobilita “la retorica della decomposizione o dell’infestazione” che informa la sua narrativa. Benché esistano processi suppurativi di origine abiotica causati da sostanze chimiche, la suppurazione è principalmente un fenomeno a innesco biologico in cui batteri di una o più specie proliferano su tessuti infiammati, lesioni […]

Continua a leggere · 13 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 mesi fa in Letteratura

Il rapporto fra “Cesara” di Mihai Eminescu e “Il serpente” di Mircea Eliade

Il rapporto fra “Cesara” di Mihai Eminescu e “Il serpente” di Mircea Eliade

È sempre difficile periodizzare una tradizione letteraria. È per esempio quello che avviene con la letteratura romena, soprattutto con quella fantastica. In questo articolo confronteremo due autori appartenenti a generazioni diverse e, in special modo, due opere: Cesara, novella di Eminescu pubblicata per la prima volta a puntate in appendice nel Corriere di Yaşi e […]

Continua a leggere · 20 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 4 mesi fa in Letteratura

Italo Calvino e la ricerca di sé stesso

"La giornata di uno scrutatore"

Italo Calvino e la ricerca di sé stesso

La giornata di uno scrutatore è un romanzo che si colloca in un momento particolare della produzione calviniana, ovvero fra due libri non nuovi: I nostri antenati (1960) e la seconda edizione del Sentiero dei nidi di ragno (1964), che si apre con una prefazione fondamentale. Siamo nel cosiddetto ‘periodo di silenzio’ in cui Calvino, […]

Continua a leggere · 24 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 5 mesi fa in Di parola in parola

Storia – Serena Penni

il passato soggettivo che determina il presente psicologico

Storia – Serena Penni

Serena Penni ci parla della parola “storia”, intesa come eredità di esperienze individuali che segnano in modo ineluttabile l’anima e quindi l’esistenza dei suoi personaggi. Nei miei romanzi, e in particolare nell’ultimo, La destinazione, la parola “storia” svolge un ruolo assai importante; del resto è presente anche nella citazione posta in esergo: “Abbiamo solo la […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 5 mesi fa in Recensioni

“L’ora di greco” di Han Kang

la Bellezza senza contorni e senza parole

“L’ora di greco” di Han Kang

Il tempo della sofferenza si trasforma in tempo della conoscenza nell’ultimo romanzo della scrittrice sudcoreana Han Kang, L’ora di greco, tradotto per Adelphi da Lia Iovenitti. Sulla scia di un’espressione suggerita dalla tragedia greca, il Páthei Máthos, la scoperta del mondo attraverso il dolore si fa inaspettatamente sogno e stupore per i due protagonisti di […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 5 mesi fa in Recensioni

“La compagna Natalia” di Antonia Spaliviero

“La compagna Natalia” di Antonia Spaliviero

Quando ho ascoltato l’audiolibro de La compagna Natalia, letto da Lella Costa, ho provato una forte empatia nei confronti dello sguardo dell’autrice e della storia che ha raccontato. Mi ha divertito, mi ha commosso, mi è sembrato una perla rara. Ho quindi indagato sulla scrittrice e, leggendo la sua breve biografia sulla pagina di Sellerio, […]

Continua a leggere · 18 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 7 mesi fa in Di parola in parola

Girandolare – Gian Marco Griffi

perché il tempo non è denaro

Girandolare – Gian Marco Griffi

Lo scrittore Gian Marco Griffi ci parla di girandolare, un verbo che definisce la carica imprescindibile per il meccanismo del suo raccontare Mentre da giovane girandolavo soltanto per le strade di Asti, la mia città, da adulto (ma prima del Grande sfacelo), ho cominciato a girandolare anche per le strade di altre città, regioni, nazioni, […]

Continua a leggere · 21 minuti di lettura