Culturificio
pubblicato 3 mesi fa in Altro

Tempo di cura – il trauma del distanziamento fisico. Se la cura fosse una danza?

Tempo di cura – il trauma del distanziamento fisico. Se la cura fosse una danza?

Lo psichiatra Cancrini in una recente intervista su «La Repubblica» definisce il momento storico che stiamo vivendo come “il tempo della cura”, una cura reclamata a partire da un desiderio di vicinanza e prossimità simbolica e fisica attualmente negate.  La domanda che però ci facciamo è: quando tutto questo sarà finito, di cosa scopriremo di […]

Continua a leggere · 10 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 mesi fa in Girard gruppo studi

L’attualità del mito | Non Cristo contro Dioniso, ma Tolkien già oltre Girard

L’attualità del mito | Non Cristo contro Dioniso, ma Tolkien già oltre Girard

Perché ancora oggi, nel XXI secolo, essere appassionati del mito? Quale valore attribuirgli? È da deplorare l’interesse che ancora esercita? Da un lato gli studiosi di miti tendono a trattare il loro oggetto di studio come qualcosa di evidentemente antiquato: li “traducono” in antiche cosmologie, antiche visioni del mondo, antichi pensieri. Dall’altro c’è un fatto […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 mesi fa in Recensioni

Mura amiche

Mura amiche

Un giorno passerà il tuo bene nella mia bocca In mezzo ai sassi, sopra la pineta dopo lo svincolo A ripensare alle frasi a tracciare i contorni a chiarire niente. Passerà solo un giorno come incoronato, dalla sua parte per rimanere senza [di me. Mura amiche (Transeuropa, 2019) è l’ultima raccolta poetica di Alessandro De […]

Continua a leggere · 13 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 mesi fa in Recensioni

Una ragnatela che ci tiene sospesi sull’abisso, nella Notte della felicità

Una ragnatela che ci tiene sospesi sull’abisso, nella Notte della felicità

«Un personaggio medio vive un’esperienza straordinaria, ai confini. E se il finale impedisce ad alcuni elementi della trama di stagnare nella banalità, vuol dire che Tabish Khair sa raccontare – e bene – una storia». Ci sono recensioni che si rispondono, l’una all’altra, a distanza? Possibile. Dunque, una recensione precedente al nuovo romanzo di Tabish […]

Continua a leggere · 14 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 mesi fa in Di parola in parola

Talento

l’elemento divino incarnato nell’uomo

Talento

Lo scrittore Giuseppe Munforte ci parla di “talento”, energia che per l’artista diventa “urgenza di ridefinizione del mondo” e costituisce la molla narrativa e il motivo ricorrente dell’opera Da ragazzo frequentavo una palestra di pugilato popolata da un gruppo molto eterogeneo di atleti. C’erano vecchi pugili che erano stati professionisti e avevano anche vinto qualche […]

Continua a leggere · 13 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 mesi fa in Tra immagini e parole

Un borghese piccolo piccolo

(Vincenzo Cerami, 1976 - Mario Monicelli, 1977)

Un borghese piccolo piccolo

La rubrica Tra immagini e parole prosegue attraverso l’analisi del romanzo di Vincenzo Cerami Un borghese piccolo piccolo (1976), in relazione all’omonimo film di Mario Monicelli del 1977. Una storia breve, da poter raccontare a voce, ma che senza la forza descrittiva della parola scritta non avrebbe il supporto necessario. Giovanni Vivaldi è il protagonista […]

Continua a leggere · 14 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 4 mesi fa in Recensioni

Il segreto di Ippocrate

Il segreto di Ippocrate

È tempo di epidemie, di isolamenti forzati, di riflessioni. Le fragilità umane, apparentemente archiviate dalla tecnologia, obnubilate dal consumismo, alleviate dal progresso scientifico, ritornano a emergere nei limiti fisici, nelle statistiche di morbilità e mortalità, ma anche nelle paure incontrollate, negli atteggiamenti irrazionali, nei crolli emotivi. Ma ciò che viviamo è ben lontano dall’esser nuovo, […]

Continua a leggere · 17 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 4 mesi fa in Letteratura \ Recensioni

“Ho sentito qualcuno che ne parlava”

Orlando, un ascolto. Sandro Lombardi legge Virginia Woolf

“Ho sentito qualcuno che ne parlava”

La Natura, che si diverte con il caos e il mistero così che neanche adesso, primo novembre 1927 sappiamo perché andiamo al piano di sopra o perché torniamo di sotto, e le nostre azioni quotidiane sono come il passaggio di un’imbarcazione sopra un mare sconosciuto, e quando i marinai sull’albero maestro chiedono, puntando il binocolo […]

Continua a leggere · 34 minuti di lettura