Francesca Belfiore
pubblicato 3 giorni fa in L'angolo russo

“Guida alla Mosca ribelle” di Valentina Parisi

“Guida alla Mosca ribelle” di Valentina Parisi

Quando pensiamo alla Russia e alle sue città ribelli, la prima che ci viene in mente non è di certo Mosca, ma la sua controparte a nord, San Pietroburgo. San Pietroburgo è dove i rivoluzionari occupano il Palazzo d’Inverno e instaurano il nuovo governo dei Soviet, durante quello che sarà ricordato come l’evento rivoluzionario più […]

Continua a leggere · 10 minuti di lettura
Giovanna Nappi
pubblicato 1 settimana fa in Recensioni

“Le affatturate”: volti di donne dal Novecento italiano

“Le affatturate”: volti di donne dal Novecento italiano

E stringendo fra le braccia questa piccola creatura che a volte si spaurisce per la mia foga appassionata, mi sento un po’ la padrona di questo nuovo mondo, di questa nuova esistenza. Affatturare qualcuno vuol dire, secondo la Treccani, ‘ammaliare, stregare’; di rimando, le affatturate sono coloro che hanno subìto un sortilegio, una fattura, o […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 settimane fa in Recensioni

Gli spazi lisci della poesia: “Carcere della terrestrità” di Francesca Fiorentin

Gli spazi lisci della poesia: “Carcere della terrestrità” di Francesca Fiorentin

La vita, perduta nei suoi ripetitivi ritmi quotidiani e terrestri, sembra assomigliare a un carcere: lo dicono, in modo intellettualmente raffinato, i versi di Francesca Fiorentin, che appartengono alla recente silloge intitolata appunto Carcere della terrestrità, uscita nel 2021 per Macabor. Per «terrestrità» si deve intendere, credo, la materialità di un’esistenza ormai completamente depauperata di […]

Continua a leggere · 16 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 settimane fa in Recensioni

Anilda Ibrahimi: “Volevo essere Madame Bovary”

lo scampato pericolo di una Emma contemporanea

Anilda Ibrahimi: “Volevo essere Madame Bovary”

Anilda Ibrahimi è una delle autrici più continue e ispirate che l’italofonia di provenienza albanese ci ha regalato nel corso degli ultimi anni. Il suo quinto romanzo, uscito alla fine del maggio 2022 per Einaudi, si intitola Volevo essere Madame Bovary e rappresenta l’ultima tappa all’interno di un discorso letterario ed esistenziale articolato a più […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura
Federica Ceccarelli
pubblicato 3 settimane fa in Recensioni

Il sonno come alibi: “Il giorno in cui morì il sole” di Yan Lianke

Il sonno come alibi: “Il giorno in cui morì il sole” di Yan Lianke

Nei romanzi di Yan Lianke il mare compare poche volte. Invece si parla spesso di campagna e di terre incolte. Di altopiani e di catene montuose. Gelide distese desolate avvolte in un silenzio di morte. Sconfinate, senza un inizio e una fine. Puoi camminare tre giorni e tre notti senza riuscire a raggiungere i confini […]

Continua a leggere · 12 minuti di lettura
Federica Nardiello
pubblicato 3 settimane fa in Letteratura

Christa Wolf e i tre libri sulla linea del tempo

"Il cielo diviso", "Guasto. Notizie di un giorno" e "In carne e ossa"

Christa Wolf e i tre libri sulla linea del tempo

Il mio approccio con Christa Wolf non può definirsi lento e graduale; non ho immerso i piedi nell’acqua per sentire se fosse fredda; mi sono tuffata a capofitto, facendomi travolgere dalle onde in pochissime settimane. Sarà forse una coincidenza, ma i tre libri che ho letto possono essere collocati su un’immaginaria linea del tempo e […]

Continua a leggere · 22 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 4 settimane fa in Di parola in parola

Feritoia – Giorgia Tribuiani

ovvero della trasfigurazione del dolore nell’arte

Feritoia – Giorgia Tribuiani

La scrittrice Giorgia Tribuiani ci parla di “feritoia”, una parola etimologicamente sorella di ferita, di cui rappresenta il volto luminoso. «La ferita, nell’arte, è feritoia». Stavo intervistando l’artista Tiziana Cera Rosco – a quel tempo studiavo per conoscere i “dietro le quinte” della performance art e portarli nel romanzo al quale stavo lavorando, Blu – […]

Continua a leggere · 13 minuti di lettura
Marco Cicirello
pubblicato 4 settimane fa in Recensioni

Scrivere tra gloria e caricatura. Il Café Gijón di Francisco Umbral

Scrivere tra gloria e caricatura. Il Café Gijón di Francisco Umbral

Nelle pagine di La notte che arrivai al Café Gijón, Francisco Umbral dipinge un grande affresco che potremmo definire ossimorico. Ritraendo i protagonisti della cultura spagnola del primo ’900, l’autore ne rivela la grandezza e insieme l’umanissima meschinità: «un’immortalità equivoca e felice, pezzente e di buona fede». Partiamo dallo scrittore: Francisco Umbral, meglio noto come […]

Continua a leggere · 9 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 1 mese fa in Facciamo che ero

Mordecai Richler, “Jacob Due-Due contro Zanna Incappucciata”

Mordecai Richler, “Jacob Due-Due contro Zanna Incappucciata”

Cari bambini e cari genitori, dato che l’estate si avvicina e si iniziano a contare i giorni che mancano alla fine della scuola, ho pensato di proporvi un libro che possa farvi ridere un po’. Per conoscere il nostro autore dobbiamo cambiare continente: Mordecai Richler nasce infatti a Montreal, in Canada, nel 1931. Già, proprio […]

Continua a leggere · 18 minuti di lettura