Federica Ceccarelli
pubblicato 16 ore fa in Recensioni

“Membrana” di Chi Ta-wei

di tagli, sorveglianza e ragazze cyborg

“Membrana” di Chi Ta-wei

Così, sotto quel cielo ultravioletto, sotto la superficie terrestre, sotto le acque, sotto la resistente membrana impermeabile e antisismica, le persone vivevano come in una serra. Le persone però non sono fiori. Si erano tenute lontane dalle guerre per correre a invischiarsi anima e corpo in un’altra vita reale. O che ritenevano tale. A partire […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 giorni fa in Recensioni

“Memorie di un baro” di Sacha Guitry

“Memorie di un baro” di Sacha Guitry

Ho sempre vissuto solamente del denaro altrui e così facendo, sono arrivato a possedere diversi milioni; e ormai, senza amarezza né rimpianti di alcun genere, sono quasi ridotto in miseria. Credo quindi che il resoconto fedele della vita avventurosa da me condotta per più di trent’anni potrà riuscire divertente e istruttivo a coloro che sanno […]

Continua a leggere · 10 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 6 giorni fa in Di parola in parola

Linguaggio – Elena Pigozzi

ovvero l’idioma che traccia i confini dell’universo individuale

Linguaggio – Elena Pigozzi

La scrittrice Elena Pigozzi ci parla di “linguaggio”, che per lei è ossessione sonora, scrigno favoloso e oracolo rivelatore Parola difficile forse, in quanto complesso oggetto di studi, personalissima ossessione che accompagna la mia storia di lettrice, prima che di scrittrice, è la parola “linguaggio”, per me oracolo dei racconti che amo e che consegno. […]

Continua a leggere · 14 minuti di lettura
Alessandro Foggetti
pubblicato 7 giorni fa in Cinema e serie tv

Il grande passo di Antonio Padovan

Il grande passo di Antonio Padovan

Nella nebbiosa e bucolica campagna veneta, Dario Cavalieri costruisce un’astronave per raggiungere la luna. Ma non si tratta solo di fantascienza: è l’evasione dalla noiosa normalità. Il grande passo (2019) di Antonio Padovan, presentato in concorso alla 37esima edizione del Torino Film Festival e disponibile su RaiPlay, è una commedia che unisce, in un’ambientazione agreste, […]

Continua a leggere · 10 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 settimane fa in Recensioni

“Cuori di nebbia” di Licia Giaquinto

“Cuori di nebbia” di Licia Giaquinto

Conoscevo il limite. Vivevo sulla soglia. Abitavo un’esistenza in bilico su una cresta: al di qua e al di là, un affaccio panoramico sui due mondi. Vivi o morti, era l’unica possibilità offerta all’uomo dalle leggi di natura. Il destino e la rinnovata speranza di Cuori di nebbia di Licia Giaquinto, appena uscito per TerraRossa […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Anita Orfini
pubblicato 2 settimane fa in L'angolo russo

“Punto di fuga” di Michail Šiškin

“Punto di fuga” di Michail Šiškin

È come se tra noi e lui, il tempo, ci fosse una sorta di malinteso, di confusione, come se non tutto fosse a posto Saša Sokolov, “La scuola degli sciocchi“ Postmoderno? Post-postmoderno? Neobarocco? Metamodernista? Michail Šiškin è come il Balto del cartone animato: «sa soltanto quello che non è». Risulta infatti complicato per i critici […]

Continua a leggere · 10 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 2 settimane fa in Recensioni

Attraverso i linguaggi della cura: “Ombra mai più” di Stefano Redaelli

Attraverso i linguaggi della cura: “Ombra mai più” di Stefano Redaelli

«Ma non avete scritto tutto. Manca l’altra metà della verità». «Quale sarebbe?» «Che il mondo, al contrario, è socialmente pericoloso. Costituisce un pericolo costante per quelli come me: le colombe, i cerbiatti, i folli. Lei questo non me l’ha detto, non lo ha messo per iscritto. Doveva passare agli atti. Come una deposizione, una denuncia. […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Federica Nardiello
pubblicato 3 settimane fa in Recensioni

Anna Seghers – “I morti dell’Isola di Djal e altre leggende”

il conforto del mito e il valore dell’esperienza

Anna Seghers – “I morti dell’Isola di Djal e altre leggende”

La favola e la leggenda – come forse ogni forma di racconto – hanno talvolta la capacità di sollevare dalla complessità dell’esistenza, dalla sua crudeltà; possono confortare la memoria di un narratore, innalzarlo dal duro suolo della terra e renderlo leggero, come in mare. È proprio il mare il regno del primo racconto di Antje […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 3 settimane fa in Letteratura

László Krasznahorkai

László Krasznahorkai

Non c’erano né dio né dei e questo loro, i nobili, gli eccezionali e gli straordinari, l’avevano dovuto capire e accettare, ma non erano stati in grado di farlo, crederci ci avevano anche creduto, accettarlo l’avevano anche accettato, ma capirlo proprio non lo capivano […] e già da tempo avrebbero dovuto salire sul gradino successivo, […]

Continua a leggere · 13 minuti di lettura