Culturificio
pubblicato 4 mesi fa in Recensioni

“La fiaba nucleare dell’uomo bambino” di Hamid Ismailov

“La fiaba nucleare dell’uomo bambino” di Hamid Ismailov

Nessuno poté salvarlo, neppure gli elfi o le rusalke. E da allora, sebbene il suo corpo sopravvisse e crebbe, la sua anima restò intrappolata in quella notte, dentro quel lago, sotto l’incantesimo eterno della luna, della sua argentea scia danzante, pervasa di magici suoni… Tu mi ricordi quell’uomo bambino… Il violinista bulgaro Petko, soprannominato Pedo, […]

Continua a leggere · 11 minuti di lettura
Giovanna Nappi
pubblicato 4 mesi fa in Recensioni

“Medusa” di Martine Dejardins

“Medusa” di Martine Dejardins

Ma la vergogna di mostrare i miei Terrori ha trattenuto la mia mano, si capisce. Nel mio intimo non avevo ancora accettato di essere una mostruosità. Il mostruoso femminile trova, nel mito, il suo terreno fertile: gorgoni, sirene, arpie hanno popolato l’immaginario collettivo antico e moderno di figure spaventose e temibili. Tra le immagini (di […]

Continua a leggere · 10 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 4 mesi fa in Letteratura

Il San Francesco di Dante

Il San Francesco di Dante

In un contributo del 1984, su San Francesco cantato da Dante, Alberto Chiari commentava: San Francesco è ricordato, esaltato, o addirittura cantato da Dante, direttamente o indirettamente, in due opere, nel Convivio e nella Commedia, ma più volte in entrambe: tre, nel Convivio, e sette nella Commedia. E se, cominciando dalla Commedia, alcune di queste […]

Continua a leggere · 15 minuti di lettura
Lelio Camassa
pubblicato 4 mesi fa in Letteratura

Su “La Terra Santa” di Alda Merini. Una spigolatura poetica

Su “La Terra Santa” di Alda Merini. Una spigolatura poetica

Aver condiviso un’epoca con una gigante della letteratura come la milanese Alda Merini, per un appassionato, è di certo un vantaggio bifronte. Se infatti si hanno a disposizione una quantità di notizie e testimonianze (impensabile per molti autori anche solo del primo Novecento), questo flusso spesso diventa dispersivo e, a volte, si tramuta in una […]

Continua a leggere · 18 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 4 mesi fa in Di parola in parola

Ritmo – Daniele Petruccioli

ovvero della disposizione armonica delle parole

Ritmo – Daniele Petruccioli

Lo scrittore Daniele Petruccioli ci parla di “ritmo”, elemento imprescindibile nella sua scrittura, governata dall’acuta consapevolezza che solo grazie all’“andamento cadenzato” l’autore può catturare l’attenzione e irretire il lettore. Che cos’è il ritmo? Un elemento fondamentale per le nostre vite, si direbbe, a cominciare dal battito cardiaco. Inoltre è legato al nostro modo di muoverci, […]

Continua a leggere · 14 minuti di lettura
Culturificio
pubblicato 5 mesi fa in Letteratura

Tra parola e rivoluzione: l’esempio di Washington Irving

“The Sketch book of Geoffrey Crayon, Gent”

Tra parola e rivoluzione: l’esempio di Washington Irving

Un’atmosfera sonnacchiosa e onirica avvolge questa terra e ne pervade l’aria. Alcuni raccontano che sul luogo venne lanciato un sortilegio da parte di un esimio dottore tedesco agli albori dell’insediamento; altri sostengono che un vecchio capo indiano, il profeta o lo sciamano della sua tribù, celebrasse lì i suoi rituali, prima che il paese venisse […]

Continua a leggere · 10 minuti di lettura
Susanna Ralaima
pubblicato 5 mesi fa in Recensioni

Brevi appunti su famiglie schifose: Stead e Franzen

“L’uomo che amava i bambini” e “Crossroads”

Brevi appunti su famiglie schifose: Stead e Franzen

«Sai, Donnina», disse «Papi ha letto una bella storia, di una brava mamma e di una brava bambina. Una storia dolce e gentile che fa tanto piangere il tuo piccolo Sam, poverino». «È triste, Papi?» «È triste e lieta. Proprio come la nostra povera, piccola, stupida, buffa vita umana; ma finisce bene perché, dietro la […]

Continua a leggere · 14 minuti di lettura
Sara Nevoso
pubblicato 5 mesi fa in Facciamo che ero

Daniel Pennac, “L’occhio del lupo”

Daniel Pennac, “L’occhio del lupo”

Cari bambini e cari genitori, saranno forse quegli occhiali tondi, ma per me Daniel Pennac somiglia un po’ a un mago. Beh, credetemi, è davvero un mago delle parole, e ha scritto per tutti, grandi e piccini; i primi non faranno fatica a ritrovare il suo stile brillante, pacato e incisivo quando leggeranno le opere […]

Continua a leggere · 19 minuti di lettura
Tommaso Dal Monte
pubblicato 5 mesi fa in Letteratura

Salite e discese di Alessandro Piperno

Salite e discese di Alessandro Piperno

Spesso capita che, nel leggere sotto un’unica lente l’intera produzione di uno scrittore, si commettano evidenti forzature. Ma il Leopardi delle Operette morali non è quello degli idilli, la produzione erudita di Boccaccio segna una frattura rispetto al Decameron, tra la Trilogia della vita e Salò c’è una differenza che lo stesso Pasolini non ha […]

Continua a leggere · 13 minuti di lettura